Entrare nella Nobiltà europea – Duca di Sealand

Non molto tempo fa, parlando di Micronazioni, ho fatto riferimento ad una tra le più piccole micronazioni al mondo che è anche quella che più di altre nel corso del tempo ha avuto visibilità e notorietà. Stiamo parlando del Principato di Sealand. Questa (Micro) Nazione è nata nel 1967 ed è venuta alle luci della ribalta per alcuni importanti passaggi storici e legali. Ecco la Storia di Sealand!

La Storia dello stato sovrano

Storia della Fortezza di Sealand

Durante la Seconda Guerra Mondiale, il Regno Unito decise di stabilire numerose basi militari marittime al fine di difendere l’Inghilterra dai raid aerei Tedeschi. Queste fortezze marittime ospitarono le truppe inglesi che avevano il compito, mediante l’artiglieria, di abbattere aerei Tedeschi e attacchi missilistici. Erano situate lungo la costa est del Regno Unito nel cuore delle acque territoriali. Una di queste strutture, costruita in acciaio e cemento armato, era la famosa “Rough Tower” situata nel mare del nord. Al contrario delle altre torri di difesa, Rough Tower fu costruita a circa 7 miglia nautiche dalla costa, più del doppio rispetto al confine delle acque territoriali inglesi. Di fatto la torre fu costruita e si trovava in acque internazionali, cosa inusuale e non legale ma accettata visto il periodo di guerra.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale tutte le truppe presenti su queste torri di difesa abbandonarono le loro postazioni lasciando le torri abbandonate. Tutte le torri, eccetto Rough Tower, erano all’interno del territorio inglese. Da un punto di vista legale la torre era considerata un territorio extra nazionale.

La nascita del Principato di Sealand

Questa falla legale aprì la strada all’occupazione della piattaforma. Nel 1966 un ex Maggiore Britannico occupò formalmente l’isola e si stabilì con la propria famiglia. Dopo un intensa concertazione con dei legali di fama internazionale, Roy Bates proclamò l’isola come stato nazionale il 2 Settembre 1967. Attraverso jus gentium (In diritto romano, lo ius gentium è l’insieme di regole che ha la sua fonte nella naturalis ratio e che viene osservato in eguale misura tra tutti i popoli. Esso si contrappone concettualmente allo ius civile quale diritto proprio di ciascuna civitas) autoproclamò se stesso Sovrano di Sealand col titolo di Principe e sua moglie col titolo di Principessa. La famiglia reale insieme ad altri sudditi che dichiararono di supportare la nazione si stabilirono da quel momento sull’isola. In questo modo nacque ufficialmente il Principato di Sealand.

Sealand con la sua bandiera sullo sfondo e Rough Tower in evidenza

Sfide lanciate alla Sovranità di Sealand

Qualche mese più tardi, nel 1968, il governo Britannico iniziò ad interessarsi della situazione che si stava verificando a largo delle sue coste. Il Governo era interessato a chiudere la vicenda senza fare troppo rumore quindi nominò una commissione militare per trattare il caso. Quando l’unità militare inglese entrò nelle acque territoriali di Sealand, Roy di Sealand interpretò quel gesto come un attacco alla neo nazione e sparò dei colpi d’artiglieria sulla nave militare come azione di difesa del territorio. A seguitò di questo conflitto Roy Bates e suo figlio furono arrestati e portati in Inghilterra per essere giudicati da un tribunale inglese, essendo anche cittadini britannici. Il 25 Novembre 1968, nel tribunale di Chelmford, Essex, Sealand ebbe la sua prima e tra le più grandi vittorie legali della sua storia. Il tribunale decretò di non essere competente nel caso di Roy e Michael di Sealand in quanto il fatto era accaduto al di fuori della giurisdizione del Regno Unito e al di fuori del proprio territorio. Questa fu il primo riconoscimento “de facto” della sovranità del Principato di Sealand. Il governo inglese aveva ammesso che Sealand non era parte dell’Inghilterra nè che nessun altra nazione aveva reclamato quel territorio quindi la dichiarazione di indipendenza del Principe Roy era stata di fatto confermata.

Costruire una nuova nazione

Sette anni dopo, il 25 Settembre 1975, il Principe Roy di Sealand proclamò la costituzione del Principato. Nel frattempo il tesoro del principato iniziò a crescere, vennero coniate monete d’argento e d’oro, così come iniziarono ad essere stampati i primi francobolli. Sealand si dotò di un passaporto e di un inno nazionale.

Sealand combatte gli invasori (e vince la guerra)

Nell’agosto del 1978 un gruppo di cittadini olandesi e tedeschi approdarono su Sealand per discutere riguardo alcuni affari da intrattenere con la Nazione. Uno di questi cittadini Tedeschi divenne addirittura il Primo Ministro in carica di Sealand. Non passò molto tempo che durante una giornata dove il sovrano si era allontanato dall’isola questi uomini misero in atto un vero e proprio colpo di stato. Imprigionarono Michael e dichiararono di aver preso possesso dell’isola. A quel punto Roy Bates, insieme ad un gruppo di suoi uomini armati anche di un elicottero militare tornarono sull’isola e ne ripresero possesso con la forza. I terroristi (così come vengono chiamati dalla famiglia reale) vennero imprigionati.

Durante il periodo di imprigionamento, il governo olandese e tedesco interpellarono le autorità inglesi per ordinare l’immediato rilascio dei propri concittadini. Il governo Britannico, d’altra parte, citando la propria precedente sentenza secondo la quale Sealand non era sotto la giurisdizione Inglese disse chiaramente che non aveva l’autorità di imporre il rilascio dei prigionieri. Il fatto è degno di nota in quanto questa è la seconda volta che Sealand ottiene un riconoscimento de facto della propria indipendenza.

Il rilascio dei due prigionieri avvenne nel rispetto della convenzione di Ginevra che richiede il rilascio dei prigionieri di guerra. Il rilascio del cittadino Tedesco avvenne dopo alcuni giorni di trattativa diplomatica col governo Tedesco. Per la terza volta Sealand viene riconosciuta come nazione indipendente e questa volta da uno stato che non sia l’Inghilterra.

Estensione delle acque territoriali

Il primo ottobre 1987 l’Inghilterra estende le proprie acque territoriali da 3 a 12 miglia nautiche. Il giorno precedente, il Principe Roy dichiarò a sua volta l’estensione delle acque territoriali di Sealand a 12 miglia nautiche (le 12 miglia nautiche sono in rispetto di convenzioni internazionali che fissano questo limite alle acque territoriali). In questo caso l’estensione delle acque territoriali servì anche a Sealand per non restare “inglobato” nelle acque Inglesi, cosa che ne avrebbe impedito un eventuale ingresso e uscita in caso di contenzioso con il Regno Britannico. Nessun trattato fu firmato tra Sealand e l’Inghilterra ma come principio generale è stato assunto il regolamento internazionale di divisione delle acque che dividono due stati vicini. Trattati internazionali non permettono di acquisire nuovi territori di altre nazioni esistenti durante l’ampliamento delle proprie acque territoriali, questo ha salvaguardato l’indipendenza di Sealand essendo stata riconosciuta prima di questo ampliamento. In ogni caso l’Inghilterra non ha tentato negli anni di acquisire Sealand continuando a trattarla come una nazione indipendente. Il Principe Roy continua a non pagare la tassa assicurativa nazionale anche a seguito di una sentenza del Dipartimento della Salute Britannico a favore del Principato.

Che il Regno Britannico continui a considerare Sealand come uno stato indipendente lo testimonia un altro incidente accaduto nel 1990 quando un imbarcazione, avvicinandosi troppo al principato, venne allontanata sparando dei colpi d’avvertimento. In quel caso l’equipaggio denunciò l’accaduto alle autorità britanniche che non procedettero nei confronti del Principato, chiaro segno che le autorità Britanniche e la giurisdizione continuano a considerare il principato come stato sovrano indipendente.

Posizione Diplomatica ufficiale del Principato di Sealand

Il documento di nomina ufficiale di Sealand

La famiglia reale, naturalmente, considera Sealand come una nazione indipendente basata sullo Jus Gentilium. Numerosi episodi di riconoscimento “de facto” del principato sono accaduti nell’arco del tempo e hanno dato ai sovrani la certezza che Sealand è una realtà consolidata. Come se non bastasse, giuristi internazionali continuano a sostenere la causa di Sealand e ad affermare che il Principato è a tutti gli effetti una nazione indipendente, anche se nessun altra nazione ha ancora ufficialmente riconosciuto Sealand in quanto tale. Come se non bastasse il Regno Britannico ad oggi considera la residenza e il lavoro su Sealand come un attività svolta all’estero.

Duca Francesco Manzella di Sealand

Con queste premesse ho sempre pensato che Sealand fosse una realtà incredibile e proprio per questo considero di grande importanza il titolo che il Principe Michael mi ha conferito quale Duca di Sealand. Sicuramente non potrò far valere il titolo in Italia o in altre nazioni perchè è riconosciuto solo all’interno dei confini di Sealand ma è interessante pensare che ho un titolo “d’altro rango” in una nazione a due passi dal Regno Unito!

Vi invito a conoscere meglio la storia di Sealand e delle altre micronazioni che esistono al mondo! Chissà che un giorno non riuscirete a creare il vostro proprio regno!

Francesco Manzella – Duca di Sealand

Articoli Simili

1 Commento

Scrivi un Commento
  1. DeusLover
    Aprile 22 (n. 18:03) DeusLover

    Presto saro Duca anche io 🙂

    Rispondi a questo commento

Scrivi un Commento

vedi commenti