Guadalupa, l’isola caraibica delle Antille francesi

Bagnata dalle acque dell’Oceano Atlantico, visto dall’alto l’arcipelago di Guadalupa appare come una farfalla e svela le sue ali variopinte. Appartenenti alle Antille francesi, queste isole sono delle perle dei caraibi.

Adagiata tra le isole di Montserrat, Dominica e Martinica, si trova l’isola di Guadalupa con i suoi piccoli isolotti dalle spiagge incantate. Questa realtà insulare ricade sotto la giurisdizione francese e conserva i nomi che durante il periodo coloniale gli furono attribuiti dall’antico regno di Francia.

Tradizioni e vecchi costumi ancora sopravvivono al corso del tempo che vengono custoditi in un’intricata fusione tra cultura francese e africana. Meta escursionistica, ma soprattutto luogo ideale per trascorrere una vacanza all’insegna del relax, Guadalupe è l’opzione più adatta per chi ama acque cristalline, spiagge candide e un paesaggio da sogno.

La Grande-Terre e la Basse-Terre

L’arcipelago di Guadalupa è prevalentemente composto da due isole maggiori, ossia la Grand-Terre e la Basse-Terre. La prima isola è anche la più turistica ed è caratterizzata da un importante presenza di strutture alberghiere disseminate lungo la costa meridionale. Invece, nella seconda isola si trova la briosa città di Pointe-à-Pitre, così come la Basse-Terre, il centro economico e amministrativo dell’arcipelago caraibico.

Guadalupa è ricca di vegetazione, cascate, foreste pluviali e anche montagne. Infatti, inoltrandosi nella natura locale si finisce per essere catturati dagli incredibili scenari selvaggi e incontaminati. Riserve naturali, parchi nazionali, barriere coralline e spiagge bianche sono il biglietto da visita di una delle realtà caraibiche più suggestive dell’Oceano Atlantico.

Grand-Terre offre un paesaggio piatto e caratterizzato da roccia calcarea, frutto di una sedimentazione che ha avuto origine circa cinque milioni di anni fa e che si è conclusa oltre 400.000 anni fa quando l’arcipelago è finalmente emerso dalle acque. Avventurandosi tra vecchi mulini, ferrovie in disuso e immense distese di piantagioni di canna da zucchero, ogni angolo di questa isola della Guadalupa è fortemente segnata dalla tradizione dello zucchero.

Diversamente dalla prima, la Basse-Terre è emersa a seguito di diversi episodi vulcanici ripetutisi nel tempo, ma in periodi storici molto recenti. Infatti, questa terra della Guadalupa è nota come una delle terre più giovani dell’intero pianeta. L’attività vulcanica dell’isola è ancora presente soltanto in corrispondenza del Monte Soufrière, nel cuore del Parco Nazionale. La cima a quota 1,467 metri s.l.m. è la più alta delle Piccole Antille francesi e rappresenta solo una piccola parte di un vulcano molto più grande.

Guadalupa

Parco Nazionale di Guadalupa

Circa metà della superficie dell’isola di Basse-Terre è occupato dal Parco Nazionale di Guadalupa. Al suo interno una fitta e rigogliosa vegetazione ha offerto le condizioni migliori per molti habitat naturali. Infatti, sono diverse le specie faunistiche che affollano le foreste pluviali del parco.

Nel parco nazionale è possibile ammirare le incantevoli cascate del Carbet oltre al già menzionato monte Soufrière con i suoi 1.467 metri di altitudine. Aggirandosi tra le ricche foreste tropicali, con attenzione e molta accortezza, si può incorrere nell’avvistamento di alcuni animali come il colibrì, il pellicano nero e le manguste.

Guadalupa, grazie alla sua conformazione montuosa e collinare, in questa regione offre un’ampia scelta per gli appassionati di trekking ed escursionismo. Infatti, in diversi punti del parco è possibile tuffarsi in selvagge passeggiate nella natura e usufruire dei circa 300 chilometri di sentieri che si divincolano tra la vegetazione locale.

Situato nella parte ovest dell’arcipelago, si estende la meravigliosa riserva naturale Grand Cul-de-sac Marin inserita nella lista delle Riserve della Biosfera dell’Unesco. In questo angolo di paradiso si può entrare realmente a contatto con la natura selvaggia e godere allo stesso tempo di paesaggi marini e montuosi. Inoltre, per i più timorosi, in questa riserva naturale non sono presenti animali pericolosi, pertanto, chiunque può avventurarsi senza alcuna paura.

Le Spiagge e il Mar dei Caraibi

Non è una novità che l’arcipelago in questione sia rinomato per le spiagge candide e le acque cristalline. Infatti, Guadalupa è un vero e proprio paradiso terrestre con delle spiagge variopinte che raccontano delle epoche ormai andate. Tra Sainte Rose e Pointe Noire sono adagiate numerose spiagge dalla sabbia chiara o dalle colorazioni tendenti al rosa, mentre, nella parte meridionale, sono locate delle spiagge più selvagge dalle sfumature grigie tendenti verso il nero.

Lungo i litorali dell’arcipelago è facile imbattersi in aironi, sterne, trampolieri o perfino aquile pescatrici. Le caratteristiche uniche del mar dei caraibi conquistano qualsiasi visitatore e offrono diverse possibilità per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni subacquee. In particolare, nella vicina isola Marie Galante, anche nota come “l’isola dei cento mulini”, si trovano quelle che sono considerate le spiagge più belle dell’intero arcipelago. Tra i bacini arenari più conosciuti spicca la plage du Vieux Fort e la Anse Moustique.

La barriera corallina protegge quest’isoletta sulla costa atlantica e permette di effettuare delle immersioni pazzesche. Infatti, questa è una meta molto amata dai sub sia per la location surreale sia per le specie marine che si possono avvistare tuffandosi in acqua. Di fatto, la fauna marittima offre riparo a delfini, tartarughe, pesci pappagallo, razze e barracuda, ma queste sono solo alcune delle migliaia di specie che pullulano in queste aree delle Piccole Antille francesi.

Le isole de Les Saintes e la Désirade

L’isola più piccola dell’arcipelago della Guadalupa invece è Désirade. Quest’ultima è prevalentemente desertica e solitaria e rimane, ad oggi, una delle più incontaminate e meno danneggiate delle Piccole Antille. Quest’isoletta è dominata dalle incontrastate iguane che affollano ogni angolo della sua superficie. Qui è possibile lanciarsi in un’avventura nei pressi del piccolo arcipelago corallino della riserva naturale di Petite-Riviere e apprezzare i fondali marini e le conformazioni coralline abbondanti di vita.

Infine, le isole Les Saintes sono tra le mete preferite da fotografi e amanti dei bei paesaggi. In questo angolo della Guadalupa, le due isole principali dell’arcipelago, Terre-de-Haut e Terre-de-Bas e le altre nove piccole isolette, regalano degli scenari mozzafiato tutti da vivere.

La Guadalupa, come appena visto, è un arcipelago dalle mille sfumature dove potersi immergere totalmente nella natura selvaggia. Tutto grazie alla presenza di parchi nazionali, riserve naturali e scenari unici nel suo genere. Di sicuro una località caraibica da non perdere assolutamente.

Scrivi un Commento

vedi commenti