Pantaloni da trekking: come scegliere il modello giusto

I pantaloni da trekking sono un elemento importantissimo dell’abbigliamento di ogni escursionista, al pari delle scarpe e dello zaino. La loro funzione è quella di riparare dalle intemperie e dalle abrasioni; per questo motivo la scelta del giusto modello coincide con il tipo di percorso da affrontare. Un buon pantalone dovrà essere comodo e confortevole senza perdere la sua resistenza. Ecco quindi qualche consiglio per scegliere il modello che più si adatta alle vostre esigenze.

I pantaloni da trekking possono essere diversi per lunghezza e pesantezza del tessuto, a seconda del periodo in cui li si utilizza. Ma ci sono alcuni aspetti comuni che vanno considerati prima dell’acquisto.

Comodità

La comodità dei pantaloni da trekking è sicuramente la caratteristica più importante. Infatti, una buona performance è determinata anche dalla giusta vestibilità dell’abbigliamento e non solo dall’allenamento. Durante le stagioni estive si preferiscono modelli leggeri o a mezza gamba; mentre in inverno si opta per un tessuto più pesante e resistente. Un buon compromesso è il softshell: un pantalone tecnico con costi più elevati ma dalle alte prestazioni. Questi modelli hanno tessuti differenti tra interno ed esterno; in questo modo si avrà un materiale morbido e traspirante a contatto con la pelle e uno più resistente e idrorepellente all’esterno.

Idrorepellenza e traspirabilità

I pantaloni da trekking devono proteggere contro la pioggia e l’umidità; per questo motivo la loro idrorepellenza è un fattore fondamentale. Un buon materiale che garantisce questa caratteristica è il nylon, un tessuto molto silenzioso e leggero. D’altro canto, il fatto di non lasciar passare acqua all’interno, impedisce anche la traspirazione verso l’esterno. Per questo motivo, in particolare nelle stagioni calde, si preferisce un pantalone a rapida asciugatura che disperde l’acqua rapidamente restando sempre asciutto.

Elasticità e vestibilità

Questi due fattori sono importanti nel caso si voglia intraprendere un’attività molto dinamica. In questo caso avrete bisogno di buona libertà di movimento, per cui bisognerà scegliere un modello elastico e aderente che non vi intralci durante l’escursione. Per percorsi lunghi possono essere utili i pantaloni da trekking convertibili; questi modelli sono dotati di una zip ad altezza ginocchio che permette di staccare la parte inferiore, restando in pantaloncini corti.

Ci sono poi molti componenti aggiuntivi che possono risultare utili in alcune occasioni. Un esempio sono le tasche laterali, perfette per mettere piccoli oggetti che potrebbero servire durante l’escursione. A volte sono presenti zip sulle caviglie che consentono di indossare le scarpe senza levare i pantaloni. Un altro elemento utile è la cintura regolabile che permette ai pantaloni di adattarsi anche ai possibili cambiamenti di peso, garantendo una maggior comodità e durabilità.

Questi sono alcuni semplici caratteristiche a cui prestare attenzione prima di acquistare i pantaloni da trekking. I modelli sono centinaia, ognuno adatto ad un certo tipo di attività; per questo è bene avere in mente cosa si vuole fare e in che periodo dell’anno. Un consiglio è quello di chiedere un parere agli esperti del settore in negozi specializzati, che sapranno indirizzarvi verso la scelta migliore.

Eva D’Onofrio – MDT Staff

Scrivi un Commento

vedi commenti